RETTOCELE


Il rettocele è un’erniazione della parete del retto dovuta allo sfiancamento della muscolatura, con formazione di una sacca, il più delle volte anteriore, che protrude in vagina, essendo le donne le più colpite.
Nell’uomo, invece, si manifesta posteriormente per ovvie ragioni anatomiche.
In tale patologia, la dilatazione eccessiva della parete, superiore ai 2 cm, determina l’insaccamento di feci, con conseguente eliminazione solo parziale.
Si manifesta sintomatologicamente con una sensazione di evacuazione incompleta e, quindi, con un bisogno di defecare più frequentemente.
L’indagine diagnostica di scelta in tale patologia è la defecografia, tecnica radiologica che mette in evidenza, attraverso un mezzo di contrasto, il preferenziale riempimento da parte delle feci della sacca erniata, piuttosto che l’eliminazione dall’ano.
Ciò spiega perché alcune donne, per favorire la defecazione, esercitino una digitopressione intravaginale sulla parete posteriore al fine di eliminare i residui fecali intrappolati.
          
Prof. Maurizio Gentile
links utili

Università degli Studi
di Napoli FEDERICO II

Azienda Ospedaliera
Universitaria Federico II

SICCR
Società Italiana di
Chirurgia Colon-Rettale


numeri utili

Ambulatorio 081 7462819

Segreteria 081 7462721

Fax 081 7463259


scrivi al Proctologo

magentil@unina.it


SICCR
Società Italiana di
Chirurgia Colon-Rettale